sabato 12 agosto 2017

Verdello Fest: festival del verdello siciliano



Buongiorno!!

Oggi niente piatto, oggi vi faccio il reportage di una bella iniziativa fatta nella mia zona, Bagheria: "Verdello fest", un percorso culinario gourmet il cui filo conduttore era il verdello di Sicilia. 
Sette piatti: 2 antipasti, 2 primi, un secondo e 2 dessert realizzati tra i più importanti chef della ristorazione bagherese, tra cui, fiore all'occhiello, Tony Lo Coco, il nostro chef stellato. Il tutto nella bellissima e suggestiva cornice di Villa Patagonia. 
Questi i piatti di degustazione dello show cooking
-Crostino di pane di tumminia con verdure , alici , polvere di basilico e zeste di verdello caramellati
-sarde fritte su cipolla in agridolce allo zenzero con lisca fritta
-spaghetti alla chitarra freschi maneggiati nel brodo di pesce e limoncello con capperi fritti, pomodorini confit e muddica atturrata con bottarga 
-pasta fresca al limoncelo con ragù bianco su crema di patate viola e muddica atturrata con bottarga
-rotolo di ricciola con cipolla in agrodolce arrotolara con figlie di tenerumi, alghe fritte e muddica atturrata
-mimosa al limoncello
-bigne croccante ripieno di crema al limoncello al sentire di mentuccia su una base di latte di mandorla 
Un itinerario gourmet davvero interessante ed intenso.
L' itinerario prevedeva anche in assaggio di 5 vini che non ho fatto perché, aimè, quasi astemia 🙄😎😄.
Bravi tutti: Verci - Osteria Saperi e Sapori - I Sapori di donna Concetta - Bitta Ristro - Bar Ester - Don Gino e bravo soprattutto chef Tony de I Pupi, che ha coordinato il tutto. 




le meravigliose zeste di verdello caramellate


il primo antipasto: la bruschetta




le lische di sarde fritte.....c'è così tanta crisi che prima si diceva che "ni liccavamu a saida" ora, addirittura, ci friggiamo pure la lisca!! :-)




 il secondo antipasto...le sarde fritte (foto non mia ma presa dalla loro pagina)



il primo piatto di primo





il secondo di primo


il secondo


e i dolci



(scusate la qualità delle foto ma non era preparata :-))

Fortunati incontri con lo chef Tony Lo Coco e la mia amica foodblogger sara Drill (Barone)


e la bella cornice di Villa Palagonia








Spero che sarà il primo di una serie 😍😊



mercoledì 9 agosto 2017

tartellette di gelo di mellone (anguria) e ganache al cioccolato



Buongiorno!!!
pensavo di aver postato questo dolcetto ma mi sa di no :-)
Come va da voi??
Noi è da mesi che boccheggiamo....siamo abituati al caldo, alle giornate di scirocco...ma 35-40° di media da 3 mesi consecutivi e da un pò anche la sera, non me li ricordo mai!!! :-)
Mi rifiuto persino di cucinare :-).
Ma ogni tanto qualche bel dolcetto infrescante ci sta, soprattutto quando ti regalano l'anguria autoprodotta, la apri felice e vedi che dentro è molto rovinata ma il sapore è ottimo!!
Allora che fai?? La butti...ma manco per niente!! :-)
Il gelo di mellone è un'ottima invenzione guando hai un'anguria dolce ma un pò troppo matura

Ed ecco questa versione dolcetto mignon


INGREDIENTI
Per la frolla di Montersino
375gr di farina
125gr di burro
125gr di zucchero a velo
125gr di tuorli
1 bacca di vaniglia

Per la ganache al cioccolato
250gr di panna fresca
250gr di cioccolato fondente
30gr di burro

cioccolato
foglie di menticcia

Preparazione della frolla 
Mettere nella planetaria la farina, lo zucchero a velo, il burro a pezzetti a temperatura ambiente e la vaniglia estratta dalla bacca e cominciare a lavorare il composto. Aggiungere i tuorli fino ad ottenere un composto omogeneo. Stendere in due fogli di carta forno, mettere in frigo e far raffreddare per un paio di ore.
Tirare fuori la frolla, rimpastarla velocemente, stenderla con il mattarello e ricoprire gli stampi per le tartallette.

Preparare il gelo di anguria, versarlo negli stampi e metterlo in congelatore

Ganache al cioccolato
Mettere la panna nel pentolino e quando comincia a sobbollire levare dal fuoco e aggiungere il cioccolato tritato e far sciogliere bene. Aggiungere il burro a pezzetti. Far raffreddare

Montare il dolcetto, mettendo alla base la frolla, poi la ganache, il gelo di anguria ancora congelato e per finire una goccia di ganache




P.S. Se le volete più leggere e fresche non mettere lo strato di ganache sotto ;-)
Una vera delizia!!

Se non vi va di accendere il forno, fate questa versione con la base di pan di stelle