lunedì 4 giugno 2012

La principessa sul pisello: tartellette ai piselli







La principessa sul pisello       

di H. C. Andersen

C'era una volta un principe che voleva sposare una principessa, ma ella doveva essere una principessa vera, una fanciulla di sangue blu. Perciò se ne andò in giro per il mondo cercando la giovinetta dei suoi sogni. Di fanciulle che affermavano di essere vere principesse egli ne trovò moltissime, ma al momento di sposarsi il principe era assalito da un dubbio: " Sarà proprio una principessa di sangue blu, oppure no? ". Qualcosa, infatti, nel loro modo o nel loro portamento era poco reale e non convinceva del tutto il principe. Egli quindi non si decideva a sceglierne alcuna e, infine, dopo tanto vagare per il mondo, se ne tornò al suo castello, deluso per non aver trovato ciò che desiderava. Una sera si scatenò un temporale: i lampi si incrociavano, il tuono brontolava, cadeva una pioggia torrenziale: non si era mai vista una bufera così!. Qualcuno bussò alla porta del castello, e il vecchio re si affrettò ad aprire. Era una principessa. Ma come l'avevano ridotta la pioggia e il temporale! L'acqua cadeva a rivoli dai suoi capelli e dai suoi vestiti, e le entrava nelle scarpe, uscendone dalla suola. Tuttavia ella si presentò affermando di essere una vera principessa. "E' ciò che sapremo presto " pensò la vecchia regina, e senza dire nulla a nessuno entrò in una camera e mise un pisello nel letto che era in mezzo alla stanza. Quindi prese venti materassi, li stese uno sopra l'altro sul pisello, e vi aggiunse ancora venti piumini. Era quello il letto destinato alla principessa sconosciuta. La principessa venne accompagnata nella camera che le era stata destinata, e si coricò. Ma, per quanto fosse sfinita dalla stanchezza, non riusciva assolutamente ad addormentarsi. Da qualunque parte si girasse, sentiva sempre qualcosa di duro che le dava fastidio. L'indomani mattina, il re la regina e il principe bussarono alla sua porta, le diedero il buon giorno e le chiesero come avesse passato la notte.
- Male! Molto male! - ella rispose - Non ho potuto chiudere occhio! Dio solo sa quello che c'era nel letto! Era qualcosa che mi ha fatto venire la pelle livida. Che supplizio ho dovuto sopportare per tutta la notte! Ho provato a guardare fra le lenzuola. Ma non ho trovato nulla.
Il re, la regina e il giovane principe si diedero uno sguardo d'intesa: dalla risposta della fanciulla essi avevano capito che si trattava di una vera principessa! Ella aveva infatti sentito un pisello attraverso venti materassi e venti piumini. Chi mai, se non una vera principessa, una principessa di sangue blu poteva avere una pelle così delicata e sensibile? Il principe, convinto ormai che si trattava di una giovane di sangue reale, la scelse subito come sposa. Il pisello fu messo nel museo, dove credo si trovi ancora, a meno che qualche persona non lo abbia portato via. Ecco, bambini, vi ho raccontato una storia vera, vera come la bella principessa.

Ecco, leggendo questa favola, mi convinco sempre più che la mia piccolina, provenga da una famiglia nobile :-)!!
Io, infatti, la mia piccolina la chiamo proprio "la principessa sul pisello" :-), perchè lei è davvero una palla al piede su certe cose :-): se le metto la calza leggermente di sbiego, lei comincia a lementarsi e a dire che le "fa fastidio" :-), se dentro la scarpa c'è un "capello" :-), lei si leva la scarpa perchè dice che le "fa fastidio" :-), se mangia qualcosa di morbido e dovesse trovare un pezzettino minuscolo di qualcosa, non so, una lenticchia non frullata bene lei la leva dalla bocca e dice: mamma cos'è?? :-), se si corica nel letto e il lenzuolo sotto ha una piega, lei lo deve sistemare perchè le "fa fastidio" :-), insomma...in base alla lettura sopra, lei è una vera principessa :-).....si....principessa della "stolitaggine" :-), anche perchè, alla fine, è una disordinata cronica con la mania di uscire tutto dai cassetti e prendere le cose dall'armadio per fare la "trasformista" come in un set teatrale lo può essere la costumista :-).
Ecco perchè, quando ho letto del contest di Oggi pane e salame e domani... "Sfida a 4 mani tra favole e fornelli" ho subito pensato a questa di favola :-).
Quindi, l'uso dei piselli era assodato, ma che fare??? Bhè, l'idea dei materassi messi uno sopra l'altro e la voglia di usare un kit che avevo appena comprato alle mie "piccole, grandi" aiutanti cuoche :-) mi ha dato lo spunto per fare questa ricetta: abbiamo usato i piselli e tutti gli attrezzi del piccolo cuoco :-): un pomeriggio davvero all'insegna del divertimento e della farina :-), come tutti i pomeriggi, del resto, quando decidiamo di infilare tutte le nostre 6 mani nella pasta :-).
E' davvero incredibile come due bimbette di 4 e 6 anni riescano ad avere questa bella manualità e "destrezza" nei lavori culinari, la grande, addirittura, mi ricorda di mettere il burro nelle torte quando io lo scordo nel microonde :-), oppure risponde alla sorella che l'impasto deve essere lavorato molto perchè deve diventare elastico e poi mi dice: "vero mamma??" Amoreeeee, ma tu sei un genio!!!! :-)
Vabbèèèè, ora basta parlare delle mie principesse, adesso andiamo a quello che abbiamo fatto un bel pomeriggio di "ordinaria follia culinaria" :-).

Ecco il kit :)


 
INGREDIENTI
pasta sfoglia
piselli
burro
cipolla
olio
provoletta
pancetta a dadini
uova
panna
sale

In un pentolino, mettere l'olio abbondante, un cipolotto e far soffriggere leggermente. Aggiungere i piselli e cucinare a fuoco basso con il coperchio.  A metà cottura aggiungere un pò di burro.
Prendere la pasta frolla (la mia era a panetto) e stenderla dello spessore desiderato e tagliarla a cerchio più grande rispetto alla formina che userete per le tartellette.
Mettere la pasta sfoglia nella formina con  i bordi all'esterno e passare con il mattarello sopra per tagliare la pasta che avanza.



Mettere alla base la provoletta e riempire con i piselli che avevate cotto e fatti intiepidire e la pancetta a dadini. In una tazza, fare un battuto di uovo, aggiungere la panna, il parmigiano, sale e versarlo sopra le vostre tartellette.
Coprire con un atra foglia di pasta sfoglia in cui avrete fatto un buco al centro (noi abbiamo usato una piccola formina a forma di cuore) e levare l'eccesso con le mani, pigiando bene sui bordi.
Spennellare con l'uovo sbattuto  e mettere in frigo per fare raffreddare nuovamente la sfoglia in modo da avere un miglio risultato in cottura.                 






Mettere in forno a circa 180° e cucinare fino a che l vostra sfoglia non sarà dorata.
Ed ecco, le sfoglie della pasta rappresentano i materassi che nascondono sotto un buonissimo strato di pisellini dolci e gustosi!!
Ma potevamo mangiarli a tavola??!! ma certo che no!!! Abbiamo mangiato fuori, anzi, hanno organizzato loro, nella loro casetta, una bella talola con tanto di fiorellini raccolti da loro stessi :-)

Ecco la tavola imbandita :-)


:-)....noooooo, sto facendo crescere delle piccole Daniteeee!! Anche la foto fà!!! :-)


Eccola la "principessa sul pisello" :-)


e questi i "materassi" sopra i piselli :-)


Ed eccole le mie principessine mentre si godono il loro meritato pasto!!! :-)



Questa è la tartelletta fatta senza copertura


qui la mia principessa grande :-) che stancatasi di usare coltello e forchetta, decide, saggiamente :-), di mangiare con le mani


mentre lei, la principessina sul pisello,  on demorde, da nobile, coltello e forchetta fino alla fine .-)


Un bel pomeriggio e le bambine erano davvero felici di aver fatto il loro pranzo tutto da loro!!! :-)

Con questo piatto, partecipiamo, a 6 mani, spero di non esser scalificae per aver usato 2 mani in più :-), al contest, appunto


22 commenti:

  1. bello cucinare con le proprie figlie, belle le foto e le bimbe, in bocca al lupo per il contest, adesso vado a curiosare, baci

    RispondiElimina
  2. Oh mamma ti stai crescendo delle foodblogger! Però direi che non vengono affatto male. Anzi mi sembra che quasi quasi le allieve stiano superando la maestra :-DDDD

    Troppo carine!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-) proprio così!!! :-) ne sono felice!! :-)

      Elimina
  3. Che meraviglia, ho gli occhi a cuore tanto mi paice questo post e la vostra giornata trascorsa in cucina!
    Bello bello giro subito sui social network e aggiungo alla lista delle ricette grazie infinite siete state braverrime <3
    Vi abbraccio
    Sonia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-) Grazie Sonia anche da parte celle piccole chef!! :-)

      Elimina
  4. non vedo l'ora di poter cucina anche io con i miei due ninni (a luglio compiono 4 anni). Il problema è che uno è una spazzatura mentre l'altro è uno schizzinoso ... Qualcosa troverò, intanto complimenti per ricetta e bimbe ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-) Loro mangiano bene entrambe!!! La piccolina, però, in più, ama esplorare tutto, anche i nuovi sapori!! :-)

      Elimina
  5. carino carino carino questo post!!!
    mi piace moltissimo e trovo deliziosa la tavola piccina apparecchiata con le loro cosette ... tutto a misura di "piccole chef"!! bravissime!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tavola è stata una loro idea, io mi sono limitata ad assecondare felicemente...alle volte mi sembra di essere più piccola di loro :-)
      Grazie!!

      Elimina
  6. Che belli! Le tue piccole si saranno divertite :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mooooltissimo!!! :-) Si dovrebbe fare più spesso!!

      Elimina
  7. Bella idea, le principesse avranno gradito sicuramente, mi piace molto il tuo blog mi iscrivo subito. Se ti va passa anche dal nostro! A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tante, vengo a trovarti anch'io!!

      Elimina
  8. Le tue bimbe sono sempre più belle e tu sei una mamma magnifica....ti adoro, e non solo come cuoca, chef, ma come donna!!! un bacio e in bocca al lupo per il contest

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, grazie, grazie!!!! Metto tanto amore e forse questo è la chiave che fa aprire tutte le porte :-)!!

      Elimina
  9. Sono arrivata qui direttamente dalla pagina fb di Sonia! Bellissima ricetta e complimenti per le bimbe meravigliose!

    RispondiElimina
  10. Ma sei di una dolcezza unica!!! così come le tue bimbe!!
    Mi hai fatto ricordare di quando da piccola mi mettevo a fianco di mia mamma e cucinavo dei mini strudel di mele nel mio microfornelletto...

    In bocca al lupo per il contest!

    RispondiElimina
  11. Siete state bravissime!
    Che meraviglia le principesse *_*

    RispondiElimina
  12. Sono due splendide principesse... complimenti, i "materassi" sono deliziosi ed originali! Il tuo post mi è piaciuto tantissimo.
    ciao
    E.

    RispondiElimina
  13. Che belle foto che bella storia, complimenti davvero!

    RispondiElimina
  14. si, decisamente principesse.
    bellissimo post, grazie a sonia e serena che mi hanno fatto iniampare nel tuo blog!

    RispondiElimina

Grazie per i vostri commenti!!